“Fjällräven Classic” si sposta su “YouTube”: da luglio a settembre quattro trekking in streaming

da | venerdì 31 Luglio 2020 - 15:00 | ambiente, montagna

Dopo il successo degli episodi ambientati in Germania e Danimarca, quest’estate “Fjällräven” trasmetterà online, dal 30 luglio, altre quattro edizioni del suo evento outdoor “Fjällräven Classic” con destinazioni in Cina, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti, in risposta alla situazione attuale dettata dall’emergenza “covid-19” per permettere a chiunque di immergersi in un’esperienza di trekking online, ripresa dal punto di vista del trekker.

“Fjällräven Classic” è l’evento outdoor dedicato a i trekker che sognano di esplorare da vicino le terre selvagge della Svezia settentrionale, zaino in spalla e con tenda al seguito. Il concept originale “Classic” è stato lanciato da “Fjällräven” nel 2005 con l’obiettivo di incoraggiare sempre più persone a praticare attività all’aperto, a contatto con la natura. Nel corso degli anni la manifestazione si è trasformata in un evento che raduna ogni anno oltre duemila persone provenienti da tutto il mondo per percorrere i 110 km del “Sentiero del Re”, il “Kungsleden”, che da Nikkaluokta conduce ad Abisko.
Negli anni l’evento è cresciuto rapidamente, tanto da convincere “Fjällräven” ad esportarlo anche in Danimarca. Nel 2016 “Fjällräven Classic” è approdato negli Stati Uniti e nel 2017 ha raggiunto anche Hong Kong. Per il 2020 “Fjällräven” aveva grandi progetti: portare “Fjällräven Classic” in altri Paesi e continenti, con eventi già programmati in Germania, Regno Unito, Cina e Corea del Sud. Dopo l’annuncio delle nuove mete, il brand aveva ricevuto un feedback incredibile dai trekker di tutto il mondo e i biglietti sono andati esauriti in brevissimo tempo.

Il 2020 si è però rivelato un anno particolarmente difficile e, a causa della pandemia “covid-19”, “Fjällräven” si è trovata costretta a cancellare gli eventi in Germania, Danimarca, Regno Unito, Stati Uniti, Cina e Svezia. Decisa a trovare una soluzione creativa per permettere ai partecipanti di non perdersi gli spettacolari paesaggi di “Fjällräven Classic”, l’azienda ha dato vita a “Fjällräven Classic TV”. Il format consiste in una coinvolgente serie di trekking online ideati per portare, almeno in parte, l’entusiasmo di “Fjällräven Classic” direttamente nelle case delle persone, ovunque esse si trovino.
“Fjällräven Classic Germany” è stato il primo evento ad essere trasmesso in streaming live. Ottima la risposta del pubblico, con oltre ottomila persone sintonizzate per una durata media di 15 minuti. È poi seguita l’edizione danese, “Fjällräven Classic Denmark”, che ha registrato numeri altrettanto positivi e raggiunto un tempo di visione totale di 1.200 ore. Per chi non ha potuto seguire i primi due eventi dal vivo, sono disponibili tutte le registrazioni sul canale “Youtube” di “Fjällräven”.
«La nostra voglia di natura non è cambiata durante la pandemia “covid-19”. Anzi, direi che è aumentata ancora di più – afferma Andreas Cederlund, head of brand experience di “Fjällräven” – è bello vedere così tante persone sintonizzarsi da tutto il mondo e godersi gli splendidi paesaggi degli eventi “Fjällräven Classic”».

I prossimi episodi sono partiti il 30 luglio e seguono, chilometro per chilometro, i percorsi dei leggendari “Fjällräven Classic China”, “Sweden”, “UK” ed “US”. Ciascun evento viene trasmesso live sul canale “Youtube” di “Fjällräven” e sul sito di “Fjällräven Classic” (classic.fjallraven.com). Gli spettatori possono seguire l’evento solo per alcune ore o per l’intera durata del trekking, rivivendo passo a passo l’emozione del percorso, attraverso la videocamera di un membro del team “Fjällräven Event”. Per maggiori informazioni visitare il sito web “Fjällräven Classic” la pagina “Facebook” @FjallravenItaly.

“Fjällräven Classic Cina” si è tenuto giovedì 30 luglio, alle ore 7 CET, presentando lo spettacolare trekking di tre giorni che si svolge sopra i 3.000 metri e la lontana natura selvaggia è mozzafiato; “Fjällräven Classic Svezia”, si tiene venerdì  7 agosto, ore 16 CET, è la versione originale e la più lunga, è qui che il concetto ha preso forma nel 2005, con 110 chilometri che separano Nikkaluokta da Abisko; “Fjällräven Classic UK”, programmato per giovedì 27 agosto, ore 12 CET, rappresenta l’edizione britannica di 60 chilometri che attraversa il cuore del “Cairngorms National Park”, in un paesaggio è aspro, drammatico e variegato, disseminato di castelli e tipici “bothy”. Infine, “Fjällräven Classic USA” è in programma per inizio settembre, con tre giorni di trekking ad alta quota, con alcuni tratti ripidi e punti di campeggio designati. Tutte le date sono soggette a restrizioni e misure di sicurezza legate all’emergenza “covid-19”.

 

À la une

Concluso il progetto “Sono” di Fondation Grand Paradis: un viaggio esperienziale per scoprire il patrimonio culturale e naturalistico di sette piccole comunità

In un mondo in cui la globalizzazione avanza incessantemente e le piccole realtà sul territorio rischiano di perdere la loro identità a favore di un’omologazione sempre maggiore, si inserisce il progetto “Sono – Svelare occasioni nutrire opportunità”, realizzato dalla Fondation Grand Paradis e giunto alla sua conclusione lo scorso 31 marzo. L’obiettivo di “Sono” è stato quello di dare voce all’immenso patrimonio storico, naturalistico e culturale di sette piccoli comuni montani partner, cinque di essi ubicati nel territorio italiano e due in territorio svizzero: Aymavilles, Cogne, Introd, Rhêmes-St-Georges e Saint-Marcel in Valle d’Aosta, Orsières ed Evolène nel Cantone Vallese.

“Le Monde” affronta la questione del confine sul Monte Bianco: «non ci vorrebbe molto» sottolinea Luciano Caveri

“Sul monte Bianco, la guerra dei ghiacciai tra Francia ed Italia”, è il titolo di un articolo pubblicato sul quotidiano francese “Le Monde” nella giornata di mercoledì 30 dicembre e poi sull’edizione cartacea, che evidenzia che “tra i due Paesi, “l’imbroglio” sul tracciato del confine sul “tetto d’Europa” dura da più do 150 anni” e che “la creazione di una “area protetta” di 32 chilometri quadrati intorno alla cima alpina, in ottobre, ha risvegliato le elucubrazioni”.

A San Lorenzo Dorsino due giorni per “brentAnima”, il primo “Dolomiti olistic festival”, per sviluppare tutti gli otto sensi

A San Lorenzo in Banale, il “Borgo del benessere”, parte integrante della natura biosfera “Unesco” di Comano, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, perfetta sintesi e incontro tra natura e paesaggio umano, nasce, il 5 e 6 settembre, “brentAnima”, il primo “Dolomiti olistic festival”. Sotto la guida di grandi maestri, una occasione di rigenerazione, mai come in questo momento essenziale per la ripresa dopo i difficili mesi passati.

A settembre c’è “Mo’Delaine”, il festival della lana a Valgrisenche, che parte dalle pecore “Rosset” ed arriva al tradizionale “Drap”

È possibile essere globali senza essere globalizzati? La risposta, positiva, non si scopre nelle teorie degli economisti ma nella pratica dei prodotti e di chi li produce. E nella storia dell’umanità non sono molte le “cose” uscite dalle mani dell’uomo che possono vantarsi di essere al tempo stesso globali, universali, e non globalizzate, perché radicate nei saperi antichi di genti e di territori.