Il 13 maggio apre la mostra su “Francesco Morosini: la difesa di Venezia tra mare e terra a Creta e nel Peloponneso”

da | sabato 8 Maggio 2021 - 16:00

Ad oltre un anno dalla conclusione delle manifestazioni per i 400 anni della sua nascita, Francesco Morosini, Capitano Generale da Mar per quattro volte 108º doge della Repubblica di Venezia, grandissimo stratega navale, comandante veneziano tra i più grandi e coraggiosi e figura di spicco particolarmente significativa nella storia della Repubblica e delle sue tradizioni marinare, è nuovamente protagonista della scena artistica italiana.

Il Museo Nazionale Atesino di Este – prima istituzione fuori Venezia a ricevere dipinti e oggetti originali riguardanti la figura del “Peloponnesiaco”, l’appellativo onorifico con il quale viene ancora oggi ricordato – da giovedì 13 maggio ospita nei suoi spazi “Francesco Morosini: la difesa di Venezia tra mare e terra a Creta e nel Peloponneso”, una mostra d’eccezione resa possibile grazie anche alla preziosa collaborazione del Comune di Este.
L’evento è il frutto dell’attuazione del protocollo d’intesa recentemente stipulato tra la Direzione regionale Musei Veneto ed il Comando regionale della Guardia di Finanza del Veneto, con l’obiettivo di ampliare la fruibilità del patrimonio archeologico, storico-artistico e culturale locale permettendo così al grande pubblico di conoscerlo meglio e di avvicinarsi alle Istituzioni. Inoltre, mira a valorizzare gli aspetti peculiari delle mostre realizzate in precedenza, tra il 2019 e 2020, dalla Guardia di Finanza in collaborazione con il Museo Correr di Venezia, l’Archivio di Stato di Venezia, l’Università Cà Foscari, presso la sede del Comando Regionale Veneto del Corpo in campo San Polo a Venezia, le polveriere di Forte Marghera e la Torre Civica di Mestre.

La mostra propone nove tele originali ed una riproduzione, parte del prezioso ciclo sulle campagne militari che la Serenissima ha condotto a Candia e in Morea (gli antichi nomi di Creta e del Peloponneso), più un ricco corollario di testimonianze che comprende armi, cimeli, documenti storici, manuali, mappe militari ed autentiche rarità (tra cui le insegne di comando turche, un raro cannone ottomano, alcuni strumenti musicali della banda dei giannizzeri) provenienti dal Museo Correr di Venezia e da collezioni private.
Il percorso espositivo, allestito nella sala “delle Colonne” del Museo Nazionale Atestino, si articola in quattro sezioni tematiche che indagano rispettivamente la figura di Francesco Morosini (sezione 1), le fortezze del Seicento (sezione 2), le città e fortezze di Creta (sezione 3), e le città e fortezze del Peloponneso (sezione 4).

«Un autentico viaggio nel tempo che permette di immergersi nell’epoca e nel mondo del grande condottiero veneziano grazie anche un progetto architettonico studiato ad hoc – sostiene il direttore del Museo Atestino Federica Gonzato – ci siamo basati su un concept espositivo estremamente coinvolgente e di esaustivo rigore storico, basato su eleganti strutture lignee (cubi e pareti adiacenti) che ricrea le atmosfere morosiniane e suscita nel visitatore la suggestione della vita a bordo delle galee veneziane ove il nostro protagonista trascorse buona parte della propria esistenza».
«Siamo onorati che il nostro Museo Archeologico sia il primo a ospitare, fuori Venezia, dipinti e oggetti riguardanti il grande condottiero veneziano Morosini – aggiunge Roberta Gallana, sindaco di Este – sarà affascinante immergersi nella vita a bordo delle galee e nelle atmosfere seicentesche che hanno fatto da sfondo ala campagne militari veneziane. Una splendida occasione per far conoscere la storia della Serenissima unita alla scoperta del patrimonio archeologico custodito all’interno del Museo Atestino. Un sentito ringraziamento al Comando Regionale della Guardia di Finanza del Veneto e alla Direzione Regionale Musei Veneto, nonché alla direttrice Federica Gonzato e a tutti coloro che hanno collaborato rendendo possibile questo straordinario appuntamento che segna la ripresa delle attività espositive nella nostra città».

Fonte: Artemide pr PR by Stefania Bertelli

À la une

Prodotte un milione di Citroën C3 di terza generazione: il 65 per cento la sceglie bicolore

La terza generazione di Citroën C3 ha appena raggiunto un milione di esemplari prodotti nello stabilimento di Trnava in Slovacchia. Lanciata a novembre 2016, C3 ha dato un nuovo impulso alla marca francese introducendo una nuova identità stilistica che si ritrova sui modelli attuali della gamma e confermando la promessa di comfort che rappresenta una vera firma per Citroën. Modello dalla personalità decisa e coronato dal successo, C3 nel 2020 si colloca nella “Top 7” del suo segmento in Europa. Inoltre, si posiziona fra i primi tre modelli più venduti del suo segmento nei maggiori mercati come Francia, Spagna, Italia, Belgio, Portogallo, Danimarca, Slovacchia e Bulgaria.

Stellantis fa segnare una crescita del 14 per cento nei ricavi nel primo trimestre 2021: consegnati oltre un milione e mezzo di veicoli

Stellantis ha reso noti i dati di consegne e ricavi del primo trimestre 2021, che ammontano a 34,3 miliardi di euro netti e salgono a 37 miliardi di euro su base pro-forma, con una crescita del 14 per cento: «nel primo trimestre dopo la fusione – ha dichiarato il direttore finanziario Richard Palmer – Stellantis ha riportato forti ricavi, con il portafoglio di marchi diversificato che ha trainato la crescita dei volumi, un effetto prezzi positivo e un miglioramento del mix di prodotto nonostante le difficoltà dovute alla carenza di semiconduttori a livello globale».