A settembre c’è “Mo’Delaine”, il festival della lana a Valgrisenche, che parte dalle pecore “Rosset” ed arriva al tradizionale “Drap”

da | martedì 28 Luglio 2020 - 16:00 | ambiente, montagna

È possibile essere globali senza essere globalizzati? La risposta, positiva, non si scopre nelle teorie degli economisti ma nella pratica dei prodotti e di chi li produce. E nella storia dell’umanità non sono molte le “cose” uscite dalle mani dell’uomo che possono vantarsi di essere al tempo stesso globali, universali, e non globalizzate, perché radicate nei saperi antichi di genti e di territori.
Una di queste è senza dubbio la lana e scoprirne il percorso, dal vello animale sino al tessuto che indossiamo, sarà il tema affascinante di “Mo’Delaine”, il Festival della Lana che avrà luogo a Valgrisenche (Aosta) il 5 e 6 Settembre prossimi. Giunto alla seconda edizione, “Mo’Delaine” abita in uno dei territori più significativi per la tradizione artigianale laniera europea. Nella piccola e severa Valgrisenche, infatti, è dal XVII secolo che l’arte della tessitura della fibra ricavata dalla pecora autoctona Rosset si tramanda di generazione in generazione e ha il suo prodotto di eccellenza nel Drap.

Ed è dal 1969 che la cooperativa “Les Tisserands” raccoglie, custodisce e promuove quell’arte con un ventaglio di attività che prendono le mosse dallo studio della tradizione e delle sue valenze antropologiche e culturali e vanno alla produzione del tessuto passando attraverso la collaborazione con gli allevatori e cogliendo le opportunità che tecnologie e mercati globali oggi permettono anche a chi risiede in una piccola valle di montagna.
A “Mo’Delaine” si parlerà di questi e altri argomenti, tutti afferenti alla filiera della lana, in una “due giorni” di fine estate dal mix attraente sia per gli addetti ai lavori che per residenti, turisti e persone appassionate alla vivacità delle tradizioni.

Il programma è in corso di definizione ma gli organizzatori – impegnati a garantire la puntuale applicazione delle disposizioni di sicurezza – anticipano che la giornata di sabato 5 avrà al centro le testimonianze di realtà nazionali e internazionali legate al mondo della lana e si concluderà, in serata, con Manuele Cecconello, autore e regista del progetto “Sentire l’aria”, che documenta la scelta di vita di un giovane pastore biellese transumante fra le pianure piemontesi e le montagna valdostane.
L’intera giornata di domenica 6 vedrà la piazza del capoluogo Valgrisenche occupata dagli stand della Fiera e dei Laboratori in cui i visitatori potranno scoprire, acquistare e… produrre tutto quanto ha a che fare con la lana.

À la une

Concluso il progetto “Sono” di Fondation Grand Paradis: un viaggio esperienziale per scoprire il patrimonio culturale e naturalistico di sette piccole comunità

In un mondo in cui la globalizzazione avanza incessantemente e le piccole realtà sul territorio rischiano di perdere la loro identità a favore di un’omologazione sempre maggiore, si inserisce il progetto “Sono – Svelare occasioni nutrire opportunità”, realizzato dalla Fondation Grand Paradis e giunto alla sua conclusione lo scorso 31 marzo. L’obiettivo di “Sono” è stato quello di dare voce all’immenso patrimonio storico, naturalistico e culturale di sette piccoli comuni montani partner, cinque di essi ubicati nel territorio italiano e due in territorio svizzero: Aymavilles, Cogne, Introd, Rhêmes-St-Georges e Saint-Marcel in Valle d’Aosta, Orsières ed Evolène nel Cantone Vallese.

“Le Monde” affronta la questione del confine sul Monte Bianco: «non ci vorrebbe molto» sottolinea Luciano Caveri

“Sul monte Bianco, la guerra dei ghiacciai tra Francia ed Italia”, è il titolo di un articolo pubblicato sul quotidiano francese “Le Monde” nella giornata di mercoledì 30 dicembre e poi sull’edizione cartacea, che evidenzia che “tra i due Paesi, “l’imbroglio” sul tracciato del confine sul “tetto d’Europa” dura da più do 150 anni” e che “la creazione di una “area protetta” di 32 chilometri quadrati intorno alla cima alpina, in ottobre, ha risvegliato le elucubrazioni”.

A San Lorenzo Dorsino due giorni per “brentAnima”, il primo “Dolomiti olistic festival”, per sviluppare tutti gli otto sensi

A San Lorenzo in Banale, il “Borgo del benessere”, parte integrante della natura biosfera “Unesco” di Comano, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, perfetta sintesi e incontro tra natura e paesaggio umano, nasce, il 5 e 6 settembre, “brentAnima”, il primo “Dolomiti olistic festival”. Sotto la guida di grandi maestri, una occasione di rigenerazione, mai come in questo momento essenziale per la ripresa dopo i difficili mesi passati.